Insonnia. Parte Prima

Tu che mi hai detto non è possibile. Tu che dici sempre “forse è meglio se facciamo un’altra volta”. Tu che sei solo superficie. Tu che mese dopo mese pensavo di non rivedere più. Tu che raramente ti sei fatto sentire. Tu che tieni il freno a mano sempre tirato. Tu che non fai “esperimenti” con i sentimenti delle persone. Tu che non ti fermi mai perché pensi che oltre a quello che già hai, possa esserci sempre qualcosa di meglio. Tu che ami vivere il tuo posto. Sorprendentemente ami cucinare. Tu che non sai stare da solo. Tu che cambi idea rapidamente. Tu che sei pesante e paranoico. Tu, con quel profilo così strano. Tu che sei sciatto, arrogante e arrivista. Tu e la follia. Tu che sei allegro, sorprendente e di parola. Tu che ami il tuo lavoro. Tu che ti lamenti del tuo lavoro. Tu che avresti voluto una carriera forse un po’ più artistica. Tu che ami la bella vita. Tu che che vedi il dramma ovunque e mi metti ansia. Tu che quando ti guardo, mi perdo. E se ti penso, rido. Tu, un giorno in un ristorante. Tu, una sera in un locale. Io. Il mattino dopo. La confusione e le figure di merda. La vergogna. Tu che Bonobo, i Doors, The Black Keys e Los Angeles. Ma anche Mengoni e Miley Cyrus. Carino il ritornello. Tu e i wasabi peanuts. Tu e le tue mille case. Tu e la mia casa, da soli.

Proprio con queste parole, senza giudizi, senza implicazioni e con un pizzico di compiacimento, a qualcuno da qualche parte lo dovevo pur dire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: