Contro la sterile cultura del sospetto

cover-album-arisa-4Come direbbe il “mitologico” personaggio di Santa Maradona interpretato da Libero De Rienzola sregolatezza pura mi esalta“. Ebbene si uscirò fuori dal percorso che avevo intenzione di tracciare su questo blog, per parlare di un qualcosa che purtroppo mi trovo a dover fronteggiare ogni giorno, e che credo sia frutto di quell’involuzione di cui è vittima la società contemporane: la cultura del sospetto.  Dalla rete, ai giornali, alle semplici chiacchiere tra amici, la parola fiducia suona ormai come qualcosa di obsoleto e sconosciuto. Non dico che non ci siano motivi perchè questo non accada, ma pensare di dover dubitare, “inciuciare”, tramare, screditare e chi più ne ha più ne metta francamente mi sfinisce…. Dopo una giornata di lavoro a dir poco “traumatizzante” l’ultima l’ho beccata proprio stasera sull’homepage di MSN. “Arisa:dov’è il bluff ?”Adesso dovete dirmi voi che tipo di bluff può mai esserci dietro una ragazza un po’ strana che ha presentato una piacevole canzonetta al Festival di Sanremo, probabilmente cogliendo al volo un’occasione che altre migliaia e migliaia di persone vorrebbero avere. “L’ex fidanzato mette in dubbio la sua ‘sincerità’ “. Ma di cosa stiamo parlando? Sicuramente una notizia negativa fa “più notizia” di cento positive, ma se dobbiamo metterci a speculare anche sul nulla, devo dire che stiamo proprio alla frutta!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: